Elettricità

Luci e ombre

Batterie, fusibili, candele, accensione… I componenti dell'impianto elettrico della moto sono numerosi e talvolta possono risultare problematici. Vediamoli in dettaglio…
Le moto moderne sono dotate di impianti elettrici complessi: devono reggere illuminazioni performanti, alimentare manopole riscaldate, antifurti, radio, prese per indumenti autoriscaldanti ed eventualmente un sistema di comunicazione con il passeggero.

Insomma, la batteria può subire forti sollecitazioni, soprattutto durante un utilizzo urbano ripetuto, su percorsi brevi in cui l'alternatore non ha il tempo di ricaricarsi adeguatamente.

Sono sempre più numerose le moto dotate di accensione automatica degli anabbaglianti, che può rendere difficili gli avviamenti a freddo. La durata media di una batteria è di due anni, ma può essere utile ricaricarla regolarmente, soprattutto nella stagione fredda, per prevenire eventuali problemi.
Le moto moderne sono dotate di impianti elettrici complessi: devono reggere illuminazioni performanti, alimentare manopole riscaldate, antifurti, radio, prese per indumenti autoriscaldanti ed eventualmente un sistema di comunicazione con il passeggero.

Insomma, la batteria può subire forti sollecitazioni, soprattutto durante un utilizzo urbano ripetuto, su percorsi brevi in cui l'alternatore non ha il tempo di ricaricarsi adeguatamente.

Sono sempre più numerose le moto dotate di accensione automatica degli anabbaglianti, che può rendere difficili gli avviamenti a freddo. La durata media di una batteria è di due anni, ma può essere utile ricaricarla regolarmente, soprattutto nella stagione fredda, per prevenire eventuali problemi.
I fusibili sono un interruttore di sicurezza in caso di sovraccarico del circuito elettrico.

Su una moto standard, senza accessori, i fusibili non devono mai "saltare", in quanto ciò sarebbe indice di malfunzionamento del circuito elettrico. Al contrario, quando si montano vari accessori, il fatto che i fusibili saltino indica che il carico è eccessivo rispetto alle capacità della moto.
I fusibili sono un interruttore di sicurezza in caso di sovraccarico del circuito elettrico.

Su una moto standard, senza accessori, i fusibili non devono mai "saltare", in quanto ciò sarebbe indice di malfunzionamento del circuito elettrico. Al contrario, quando si montano vari accessori, il fatto che i fusibili saltino indica che il carico è eccessivo rispetto alle capacità della moto.
Seppur con i dovuti distinguo, anche l'accensione e le candele appartengono all'impianto elettrico della moto. Su alcuni modelli l'accensione tende a "bruciarsi" e, trattandosi di un componente costoso, è preferibile effettuare l'intervento in garanzia ove possibile.

Per quanto riguarda le candele, è sufficiente eseguire la manutenzione e i normali controlli previsti (in genere ogni 6.000 o 12.000 km). Solitamente le candele non danno problemi, salvo in caso di modifiche drastiche (peraltro proibite) della carburazione e dello scarico della moto.

Alcuni modelli sono noti per la tenuta mediocre delle dotazioni. Sarà utile montare un paraspruzzi supplementare sul parafango anteriore e spruzzare uno spray impermeabilizzante sui pozzetti della candela e i dispositivi antidisturbo.